Crollo Ponte Milvio demolita palazzina via della Farnesina Blog Roma

Crollo Ponte Milvio demolita palazzina via della Farnesina Blog Roma

E’ assurdo al giorno d’oggi pensare che ancora possano succedere queste cose, nel 2017 palazzine che crollano così, come un ghiacciolo al sole.

Crollo Ponte Milvio, demolita palazzina via della Farnesina 5
L’abbattimento dello stabile, iniziato ieri alle 12, si è concluso in poche ore: seguiranno la rimozione dei detriti e la messa in sicurezza dell’area

Crollo Ponte Milvio demolita palazzina via della Farnesina Blog Roma

La palazzina di via della Farnesina n.5, quella semi crollata nella notte tra il 23 e 24 settembre scorsi, non esiste più. Sono infatti bastate una manciata di ore per demolire l’intero stabile che ieri è venuto giù sotto i colpi dell’escavatore che, insieme a due gru di supporto, ha portato a conclusione la prima fase dell’intera operazione.

Un intervento, quello della demolizione controllata, iniziato intorno alle 12 e finito poco prima delle 16 sotto gli occhi attenti e commossi dei residenti che hanno visto i propri appartamenti, in parte rimasti in piedi dopo quella tragica notte, ridotti in un cumulo di macerie. E con essi anni di ricordi e di vita vissuta.

Oggi sulla pianta dello stabile di via della Farnesina 5 solo detriti e calcinacci, insieme alle tante incognite relative al futuro dei condomini della palazzina, della ricostruzione e di uno studio sull’intera area che appare opportuno e necessario.

Ma se v’è una certezza è quella che entro la fine del mese di gennaio l’intera operazione verrà portata a termine: con la demolizione controllata ormai alle spalle si aprirà la fase relativa alla rimozione delle macerie e alla messa in sicurezza.

Presumibilmente dunque dall’inizio di febbraio Ponte Milvio potrà essere liberato da quell’ingombrante “zona rossa” che nel corso di questi mesi – tra ingorghi, assenza di varchi pedonali e mezzi pubblici deviati – aveva depresso l’intera area.

Questo nell’immediato. Per il futuro di via della Farnesina numero 5, oltre all’accertamento delle cause del crollo ad oggi ancora ignote, bisognerà guardare anche alle indagini geognostiche per la valutazione delle condizioni di sicurezza mappando eventuali altri rischi e alla ricostruzione. Una fase, quest’ultima, nella quale il Comune non potrà lasciare soli i residenti.

Fonte RomaToday

Blog Roma – Discoteche Roma invia la tua segnalazione qui → 3404987255 WhatsApp